Pagani Huayra Roadster: il primo Roadster più leggero del Coupè

Nel 2011 è stata presentata al pubblico Pagani Huayra Coupè (ecco il nostro test drive) al salone di Ginevra; Huayra BC ne è stata la naturale evoluzione, concentrando in soli 1218kg una vettura ad altissime prestazioni. Il progetto Huayra Roadster comincia nel 2010, ma nel 2013 il concetto di design ricominciò dal principio. Una Pagani deve essere un oggetto unico, ogni particolare deve avere una sua armoniosità in linea con lo spirito e l’anima della macchina, e così Pagani Huayra Roadster è diventata un progetto a se stante, un’anima unica.

Pagani Huayra Roadster

A differenza della stragrande maggioranza delle supercar moderne, Huayra Roadster è quasi completamente a vista, quasi ogni parte meccanica e ogni componente è visibile. E’ spudorata, la puoi svestire completamente. Porsi un obiettivo del genere ha significato curare ogni singolo e minimo dettaglio, perseguire quell’ideale di cura di ogni particolare che fa parte della filosofia Pagani fin dal principio. Anche la più piccola vite ad esempio, è stata concepita per essere bellissima e funzionale. Fin da subito si è voluto perseguire per la strada delle porte ad apertura convenzionale, rispettando la tradizione Pagani, esemplificata della vettura più rappresentativa: la Zonda Cinque Roadster.

Pagani Huayra RoadsterPagani Huayra Roadster

Uno dei traguardi più ambiziosi posti all’inizio del progetto è stato quello di costruire una Roadster che fosse più leggera del coupè, migliorando la rigidezza torsionale e flessionale del telaio. Dopo l’esperienza maturata su Zonda R, Huayra Coupè e Huayra BC, per Huayra Roadster è stato affinato ulteriormente l’utilizzo del materiale Carbo-Titanio. Nella Huayra Roadster è combinato con una nuova concezione di materiale composito, più avanzato di quello utilizzato in Formula 1.

Un lavoro immane, complesso, ma che ha permesso, a parità di peso di guadagnare un sensibile 52% in rigidezza grazie all’impiego del Carbo Titanio abbinato al Carbo-Triax HP52. Il peso a secco di Huayra Roadster fa fermare l’asticella della bilancia a 1280kg, circa 80kg in meno rispetto alla Huayra Coupè, aumentando anche la rigidezza torsionale e flessionale.
Un risultato incredibile: “Intraprendere questa impresa per fare solo poco più di 100 macchine è uno sforzo impressionante per una compagnia come la nostra, dal punto di vista tecnico, umano ed economico.” dice Horacio Pagani.

Pagani Huayra Roadster

Pagani Huayra Roadster è spinta dalla potenza del motore Mercedes-AMG M158. Un propulsore a dodici cilindri, 5980 cm3 di cilindrata, costruito specificatamente da Mercedes-AMG per Pagani Automobili che beneficia dello sviluppo fatto per Huayra BC, erogando una potenza di 764 CV a 6200 giri al minuto ed una coppia di oltre 1000 NM disponibili già a 2400 giri. La straordinaria coppia e potenza della Huayra Roadster vengono scaricate a terra da un nuovo cambio AMT (costruito da X-Track) a sette marce, sviluppato con successo sulla Huayra BC. Il differenziale è di tipo elettronico, e l’avanzato sistema di controllo sviluppato insieme a Bosch, garantisce un adattamento a tutte le condizioni di guida possibile: dalle più severe condizioni di bassa aderenza alla pista, fornendo sempre una stabilità ed una sicurezza eccezionali. Il peso dell’unità del cambio, comprensiva del differenziale elettronico è circa il 40 % in meno rispetto ad un moderno cambio a doppia frizione.

Tutto il gruppo sospensioni è un’opera d’arte ed un concentrato di tecnologia, forgiato in leggerissima lega di alluminio HiForg specificatamente per Huayra Roadster. Il risparmio di peso, rispetto a Huayra Coupè, è del 25%: un risultato straordinario in una vettura che era già il riferimento di leggerezza nella categoria. Su Huayra Roadster, per quanto concerne i freni, è stato sviluppato da Brembo un nuovo impianto CCM (carboceramico) da 380×34 mm con pinza a 6 pistoncini all’anteriore e 380×34 mm con una pinza a 4 pistoncini al posteriore. Gli ingegneri Pirelli hanno scolpito e progettato il Pirelli Pzero Corsa, una gomma specifica per Huayra Roadster da 21 pollici al posteriore e 20 pollici all’anteriore. Così come Pagani Automobili e Bosch hanno sviluppato un nuovo sistema ESP con 5 differenti modalità di intervento: Wet, Comfort, Sport e Race e ESC Off. Ognuno con una propria anima, per sfruttare in qualsiasi condizione, a pieno ed in sicurezza, le potenzialità della nuova nata dell’atelier di San Cesario sul Panaro.

Pagani Huayra Roadster verrà provvista di due tipologie di tetto. Il primo consiste in un hard top di carbonio molto leggero con un elemento centrale in vetro molto semplice e veloce da installare. In questa configurazione assume l’aspetto di un coupè, con un tetto di vetro che assicura all’abitacolo una luminosità unica, proteggendo i passeggeri anche dai raggi UV e dando una sensazione di libertà tipica di una vettura Roadster anche con il tetto rigido installato. La seconda tipologia di tetto è una copertura di tela e carbonio che può essere facilmente installata manualmente e riposta all’interno di Huayra Roadster, in pochi passi in caso di emergenza.

Pagani Huayra Roadster

Noi ci auguriamo che tutto questo sforzo durato 6 anni possa arrivare a toccarvi, a livello razionale ed emozionale”. Horacio Pagani. Produzione limitata a 100 esemplari, tutti già venduti ▪ Prezzo base: 2.280.000 € + VAT

Marco Longhini

Marco Longhini

Giornalista iscritto all'Ordine, insegue da sempre (creando strani incastri) le sue due più grandi passioni, AUTO e MUSICA. Ha partecipato a numerosi corsi di guida performance e si definisce un "car addicted"; a differenza di molti colleghi, però, è più interessato ai pregi e difetti con la loro convivenza, che alla quantità di fumo che sono in grado di generare dalle ruote posteriori. Vive nell'eterno dilemma: "lusso o prestazioni" ? Fondatore del Lifersblog (ora casa di villeggiatura) si augura diventi presto il suo domicilio principale...