Precept by Polestar: design e tecnologia per il futuro

Un tempo elaboratore e team di gara Volvo, Polestar è ora un “piccolo” marchio elettrico spin-off della nave madre sino-svedese.
Le sue prime due auto, Polestar 1 e Polestar 2 , sono nate come concept car Volvo che sono state trasformate in prodotti Polestar e questo è abbastanza evidente nel design. Ora, con il concept Precept presenta un linguaggio di design tutto suo e una visione tecnologica per il futuro.
Il Precept è una grande auto da turismo a quattro porte elettrica. Bassa, aerodinamica e spaziosa all’interno per quattro persone, fonde elementi classici del design automobilistico con nuovi spunti di stile abilitati dalla sua trasmissione elettrica e un futuro più verde (non ha cromo, che è un elemento piuttosto comune nelle auto di lusso).

Precept by Polestar: design e tecnologia per il futuro

Con un bagagliaio nella parte anteriore anziché un motore, il cofano si inclina in basso, come una Porsche 911, e il Precept ha un’ala integrata sul bordo anteriore per migliorare il flusso d’aria sul corpo.
Polestar usa il suo anteriore per “vedere”, creando un’area che chiama Smart Zone, con i sensori di assistenza del guidatore dell’auto su uno sfondo nero. Include unità radar a medio e lungo raggio, sensori a ultrasuoni e una fotocamera grandangolare ad alta definizione.
I lati sono inoltre dotati di sensori a ultrasuoni, prese d’aria anteriori e condotti dei freni davanti o dietro le ruote posteriori nelle Smart Zone di livello basso, anch’esse ispirate visivamente all’elettronica.

Precept by Polestar: design e tecnologia per il futuro

Nonostante le influenze tecnologiche e dell’elettronica, Precept ha le proporzioni di una grande auto da turismo abbinata ad un’aerodinamica efficiente. La coda alta si unisce a parafanghi posteriori allargati che danno all’auto l’aspetto di un predatore in bilico. Le grandi ruote da 22 pollici con inserti aerodinamici riempiono i passaruota anteriore e posteriore e anche i parafanghi anteriori sono svasati. Linee di carattere nette si nascondono lungo i fianchi e i pannelli inferiori neri alleggeriscono visivamente la massa. Il muso inclinato ricorda l’aspetto di un’auto sportiva a motore centrale o posteriore. Polestar ha anche adottato le maniglie delle portiere a filo carrozzeria.
Senza un lunotto posteriore, il conducente può spostarsi all’indietro tramite uno specchietto retrovisore posteriore e le telecamere laterali al posto degli specchi. Il design consente un portellone incernierato sopra le teste dei passeggeri posteriori e un’estremità alta per una migliore aerodinamica. Il grande tetto in vetro crea una sensazione aperta per i passeggeri che siedono dietro che hanno un ampio spazio per le gambe.

Precept by Polestar: design e tecnologia per il futuro

L’approccio è diverso anche all’interno. Di nuovo Polestar ha abbandonato gli indizi di lusso tradizionali. La cabina non utilizza legno o pelle per dare una sensazione di esclusività. Piuttosto, Polestar impiega materiali riciclati e fibre naturali nel tentativo di aumentare la sostenibilità. I sedili e il rivestimento del padiglione sono realizzati con bottiglie di plastica riciclata, i materiali a base di lino creano i pannelli, le reti da pesca riciclate aiutano a creare i tappeti e il vinile realizzato con tappi per vino viene utilizzato nelle imbottiture dei sedili e nei poggiatesta. I pannelli, in questo modo, sono più leggeri e resistenti della plastica e, questi materiali nella combinazione in cui sono stati utilizzati, creano un aspetto estremamente premium ma allo stesso tempo molto pulito e molto moderno.

Precept by Polestar: design e tecnologia per il futuro

Il Precept porta anche l’infotainment a un nuovo livello e rappresenta il passo successivo nella partnership con Google e il suo sistema basato su Android. Utilizza uno schermo centrale da 15 pollici montato verticalmente che incorpora sensori di prossimità per rendere il sistema sensibile al conducente. Il tracciamento oculare viene utilizzato per modificare le dimensioni e la complessità delle informazioni mostrate nel quadro strumenti digitale da 9,0 pollici. Utilizza i dati di Google Maps per creare un’immagine di visualizzazione realistica del conducente che mostri strade, attività commerciali, segnaletica ed edifici nelle vicinanze. Il sistema è aperto anche ad app di terze parti, quindi i suoi usi saranno limitati all’immaginazione di numerose aziende.

Precept by Polestar: design e tecnologia per il futuro

Lo sappiamo, a questo punto la domanda che tutti vi state facendo è: Polestar la costruirà?
La Polestar 2 arriverà l’anno prossimo e il Polestar 3, un SUV EV aerodinamico, arriverà probabilmente nel 2022.
Il Precept potrebbe essere il Polestar 4?
Difficile averne conferme, ma sicuramente il suo design e altri elementi verranno utilizzati nei veicoli futuri e rappresenta un’ulteriore evoluzione del marchio, con un linguaggio di design distinto e una tecnologia all’avanguardia!

redazione

redazione

Tutti vogliamo che la vita sia meno "grigia metallizzata" e torni il capriccio di sognare a colori; cosa c'è, di meglio, di un bel rombo di un motore?