Ferrari 488 Pista Spider: il 50° modello aperto del Cavallino

Ferrari 488 Pista Spider: la nuova Serie Speciale è il 50° modello di vettura aperta prodotto dal Cavallino Rampante, e non poteva che essere svelato in anteprima negli Stati Uniti, nell’ambito del celebre Concorso d’Eleganza a Pebble Beach® in California, un mercato che fin dagli anni’50 ha sempre amato le “convertible” altamente performanti.

Ferrari 488 Pista Spider

E’ la spider più performante in assoluto nella storia della Casa di Maranello, con il miglior rapporto peso/potenza di sempre, pari a 1,92 kg/cv. Un risultato reso possibile dall’utilizzo del motore V8 più potente mai prodotto da Ferrari, il V8 biturbo da 3902 cc, in grado di erogare 720 cv, con una coppia calibrata in modo da avere sempre una sensazione di accelerazione crescente.
Il sound, unico nel suo genere, è ancora più coinvolgente come nella migliore tradizione Ferrari soprattutto nella guida en plein air.

I designer della Ferrari hanno definito le linee della 488 Pista Spider guidati dallo stile della 488 Pista, con l’obiettivo di ottenere il connubio perfetto tra efficienza aerodinamica, essenzialità nelle forme e spirito racing. Questo concetto è enfatizzato dalla caratteristica livrea centrale a sezione crescente, che si proietta longitudinalmente su tutta la lunghezza dell’auto, fino a raggiungere l’estremità interna dello spoiler, ricalcando così il movimento del flusso d’aria e contribuendo a esaltare la percezione della silhouette.

Ferrari 488 Pista Spider

La filosofia che caratterizza la scelta dei materiali degli esterni si ripropone sui modellati degli interni vettura, dove la riduzione complessiva del peso dell’abitacolo è stata ottenuta utilizzando componenti molto leggeri ed essenziali. Oltre all’utilizzo della fibra di carbonio e dell’Alcantara® sono state adottate le pedane in alluminio mandorlato, che sostituiscono i tappeti in moquette, e il laccetto apriporta al posto della maniglia lato pilota.

Ferrari 488 Pista Spider

I nuovi cerchi diamantati a stella 20” sono stati disegnati appositamente per questa vettura e si ispirano alla tradizione delle berlinette Ferrari a motore posteriore-centrale. Sono disponibili anche gli innovativi cerchi monolitici in fibra di carbonio come optional, con un risparmio di ben 20% di peso rispetto a quelli forgiati di serie. Infine, grazie a un nuovo controllo, il Ferrari Dynamic Enhancer (FDE), la gestione delle dinamiche laterali a elevate prestazioni è più prevedibile, controllabile e intuitiva.

redazione

redazione

Tutti vogliamo che la vita sia meno "grigia metallizzata" e torni il capriccio di sognare a colori; cosa c'è, di meglio, di un bel rombo di un motore?