E-TECH Hybrid: primo contatto con l’innovativa Clio ibrida

Renault Clio E-TECH Hybrid
Potenza 149 CV – Prezzo esemplare provato 27.140 euro

Sapete quella parola che, se siete dei curiosi del mondo dell’auto o frequentate i concessionari, sentite sempre più spesso?
Hybrid!
Avete presente?
Bene, dapprima era un pensiero ristretto ad un pubblico molto “green“, poi è diventato un concetto ampio e molto “cool” ed ora, beh, un termine che (a quanto pare) entra ufficialmente nel gergo comune. Pure i bambini la conoscono e ne parlano, all’asilo, con i loro amichetti.
Hybrid!
Ho come l’impressione che ci accompagnerà per molto tempo e, quindi, facciamocelo piacere!

Gli amici di Renault Italia, che sono proprio una bella squadra, con me ci sono riusciti facendomi provare la motorizzazione E-Tech Hybrid della nuova Clio e dicendomi che deriva, proprio, dalla rivoluzionaria tecnologia frutto dell’esperienza Renault Sport nella Formula 1 e nei veicoli elettrici.
Formula 1, avete capito?
Allora, converrete con me, che questo “Hybrid” può anche essere interessante, no?

Il suo motopropulsore, infatti, utilizza un’innovativa trasmissione multi-mode con innesto a denti priva di frizione, che arriva proprio dalla F1, associata ad 1 motore termico (benzina, 4 cilindri aspirato da 1,6 litri, di nuova generazione, con 91 CV), 2 motori elettrici (totale 49 CV) e una batteria da 1,2 kWh (230V) definita da Luca de Meo “pepita tecnologica“.
Un’associazione che, a spiegarla, può risultare complessa e, magari, anche un po’ “pallosa” ma che, credetemi, sulla Clio funziona alla grande. Permette alla vettura l’avvio sistematico al 100% elettrico (che continua anche a velocità più elevate di quella di 75 Km/h prevista), massima efficienza nella gestione del carburante, accelerazioni all’altezza di un veicolo elettrico e la frenata rigenerativa, che consente elevate capacità di ricarica della batteria. Altra cosa che mi ha particolarmente impressionato, soprattutto nella nuova modalità B-Mode, nella guida extra urbana e autostradale su lunghe distanze.

La batteria si ricarica da sola (quindi niente ansia de “la spina dove l’attacco” e “la colonnina dove la trovo” che, sono sicuro, potrebbe affliggere il pubblico di 1,6 Milioni di Italiani fedeli alla francese) e, quindi,  con la Nuova Clio E-Tech Hybrid si può circolare fino all’80% del tempo in città in modalità full electric con una riduzione dei consumi fino al 40% rispetto ai motori termici in ciclo urbano.
Ecco, a me questi dati lasciano sempre un po’ perplesso, quindi Renault mi ha detto: “Perché non lo verifichi?
E io l’ho fatto, in un percorso cittadino milanese di 6,8 Km (pieno di traffico e gente glamour con l’aria da top-manager) e, sorpresa, senza nemmeno impegnarmi molto (e tenendo l’aria condizionata accesa, ci tengo a precisarlo) sono riuscito a fare MEGLIO perfino della loro previsione che, malfidato, avevo bollato come esagerata. Su 33 minuti di guida ho sfruttato per ben l’87% la guida in elettrico.
87%, capito?

E-TECH Hybrid: una vera e propria motorizzazione ibrida innovativa per Clio

Il motore termico si è acceso solo due volte, attestandosi su un consumo di 3,2 i/100Km.
E la cosa, beh, ha colpito anche me!
Ma questo, in soldoni, in cosa si traduce (direte voi)?
Beh, considerando un chilometraggio annuo che si aggiri sui 18.000 chilometri, avrei risparmiato (mensilmente) rispetto all’auto condotta solo a benzina, ben 195 euro. Non male, vero?
Poi, ovviamente, avrei goduto anche (grazie alle emissioni inferiori a 100 CO2/km) degli incentivi statali e dei vantaggi riconosciuti dalle amministrazioni locali come: l’esenzione del bollo, strisce blu gratuite (ove previsto), circolazione nelle zone a traffico limitato.
Lo so… State già pensando a cosa ci potreste fare, con questi soldi, vero?

E-TECH Hybrid: una vera e propria motorizzazione ibrida innovativa per Clio

Il recupero e il riutilizzo dell’energia sono componenti fondamentali del sistema ibrido di Clio E-TECH. Il recupero energetico in frenata permette di ricaricare la batteria “gratis”, ma anche di evitare di usare i freni e quindi di consumarli. Dopo aver recuperato l’energia, la si può riutilizzare per far andare l’auto senza consumare neppure una goccia di benzina. Si può, quindi, guidare in modalità full electric o termica e, se la potenza termica eccede il bisogno, la batteria si ricarica accumulando energia, per essere utilizzata in un secondo momento.
È la tecnologia E-TECH che lo fa automaticamente e in modo impercettibile (tranne un piccolo “rumore”, soprattutto se sedete nei sedili posteriori, quando il termico ricarica la batteria). Grazie ai settaggi MULTI-SENSE, il conducente può scegliere la modalità di guida a seconda dei sui gusti o del percorso che si appresta a fare. Si, c’è anche lo SPORT, che usa i motori elettrici per fornire potenza extra quando la rubate a vostra moglie. Cosa chiedere di più?
Da 80 a 120km/h in soli 6,9 secondi e da 0-50 Km/h in soli 3,9 secondi, e questo con soli 10 chili in più rispetto alla motorizzazione dCi 115.

Con un listino a partire da € 21.950 nell’allestimento ZEN, Clio E-Tech Hybrid gode degli incentivi previsti dallo stato di 1.000€ o 1.750 € in caso di rottamazione. Per il lancio della tecnologia Hybrid Clio è stata commercializzata anche la Serie Limitata E-TECH, che è quella che abbiamo provato nel nostro percorso verso la Centrale Idroeletrica di Edolo (luogo dello shooting) in Val Camonica. Questa esclusiva serie si distingue, oltre che per equipaggiamenti aggiuntivi rispetto al livello INTENS, per una serie di particolari che esaltano il design del veicolo, come i badge specifici, tonalità ramate a livello delle prese d’aria del paraurti anteriore, dei cerchi e coprimozzi. All’interno il design è completato da sellerie esclusive molto belle, ed è disponibile a partire da € 25.400.

Ah, dimenticavo: presso la rete Renault inizia l’E-TECH Test Drive, una nuova modalità di prova con cui (anche voi) potrete testare direttamente in strada il risparmio effettivo dell’ibrido Renault, verificandolo grazie a numeri reali.
Fate la prova (è importante) e, soprattutto, ditemi se siete stati più bravi di me!

Marco Longhini

Marco Longhini

Giornalista iscritto all'Ordine, insegue da sempre (creando strani incastri) le sue due più grandi passioni, AUTO e MUSICA. Ha partecipato a numerosi corsi di guida performance e si definisce un "car addicted"; a differenza di molti colleghi, però, è più interessato ai pregi e difetti con la loro convivenza, che alla quantità di fumo che sono in grado di generare dalle ruote posteriori. Vive nell'eterno dilemma: "lusso o prestazioni" ? Fondatore del Lifersblog (ora casa di villeggiatura) si augura diventi presto il suo domicilio principale...