Polestar: ecco alcune cose che devi sapere…

Polestar ha scelto l’emergente quartiere di San Francisco a Dogpatch, a due passi proprio dalla sede di Palo Alto della Tesla, in California, per presentare la Polestar 2 agli Stati Uniti. Prima auto elettrica al 100% del brand del gruppo Geely-Volvo, partner tecnologico Google, ma secondo modello della gamma (considerando anche l’ibrida ad alte prestazioni Polestar 1) è una berlina tre volumi classica, con batteria da 78 kWh, fino a 408 CV, ed un prezzo in USA a partire da 39.000 euro. L’autonomia dichiarata con il ciclo WLTP è di 500 km.

Polestar: ecco alcune cose che devi sapere...

Ma vediamo quali sono gli aspetti che potrebbero farla diventare un’acerrima nemica di Tesla:
La 2 divide la sua piattaforma con la Volvo XC40 e un crossover SUV cinese (venduto dalla casa madre di Geely) orientato al marchio Lynk & Co . Ciò significa che non funziona su una piattaforma di auto elettriche dedicata, come può essere la Tesla Model 3 e quindi la 2 è dimensionata e con un prezzo più competitivo.
È spaziosa all’interno, ma più convenzionale rispetto a veicoli come la Model 3 o la Jaguar I-Pace, che sono stati progettati da zero senza un motore a benzina. Non è un caso, quindi, che Polestar 2 sia dimensionata e stilizzata come un successore della vecchia Volvo S40

Polestar: ecco alcune cose che devi sapere...

Polestar è, legalmente parlando, un marchio a se, anche se condivide uffici con Volvo. Ciò significa che Polestar e Volvo non dovranno attingere dalla stessa “cassa” per incentivi fiscali statali e locali applicati alle auto elettriche.
Inoltre, anche la tecnologia sarà specifica per Polestar.
Pronunciare “OK, Google” all’interno della Polestar 2 permetterà di navigare verso una destinazione utilizzando Google Maps o riprodurre musica da Spotify tramite un’app acquisita tramite Google Play Store. Altre auto hanno utilizzato alcuni servizi Google, ma Polestar è la prima casa automobilistica a consegnare le redini del suo infotainment al gigante della Silicon Valley.

Polestar: ecco alcune cose che devi sapere...

Il prossimo atto di Polestar sarà un SUV crossover (il Polestar 3) più grande e lungo, con linee che prendono spunto dalla Volvo XC90. Non assomiglierà molto a Polestar 1 o Polestar 2. Questo è un approccio radicalmente diverso da quello che Tesla ha preso con la sua gamma di tre (e che presto saranno quattro) auto elettriche, che sono praticamente indistinguibili da alcuni punti di vista.
Il SUV Polestar 3 dovrebbe arrivare entro la fine del 2021, anche se la casa automobilistica non ha detto quando farà il suo debutto.

Polestar: ecco alcune cose che devi sapere...

Polestars è venduta tramite i concessionari Volvo, ma disporrà presto di una propria rete di concessionari quando le prime auto raggiungeranno il mercato nel 2020, sebbene il reparto vendite della casa automobilistica abbia invitato solo i concessionari Volvo esistenti a richiedere i franchise.  In America (mercato molto importante, se non basilare) gli showroom non saranno marchiati con nomi di gruppi di rivenditori, quindi la loro nomenclatura sarà sulla falsariga di Polestar of San Francisco o Polestar of Seattle.
Gregor Hembrough, capo di Polestar USA, ha dichiarato che gli showroom della compagnia opereranno in aree ad alto traffico e saranno gestiti da esperti di prodotto che non verranno pagati su commissione. Attendiamo di capire cosa succederà in Europa…

redazione

redazione

Tutti vogliamo che la vita sia meno "grigia metallizzata" e torni il capriccio di sognare a colori; cosa c'è, di meglio, di un bel rombo di un motore?