457 MAUTO EXPERIENCE: “Quelli che la 500”.

Il mondo 500 riparte dal MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile di Torino, dove saranno esposte, da Sabato 20 a domenica 28 giugno, le vetture protagoniste della 457 Stupinigi Experience (firmate Ruzza Torino) e la FIAT 500 rossa appartenuta al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini. Oggi quella stessa 500 rossa diventa, da punto di arrivo, punto di ripartenza.

457 MAUTO EXPERIENCE: “Quelli che la 500”.

Sono ventitré le auto tutte diverse fra loro selezionate per raccontare la storia dell’utilitaria mito, una selezione realizzata sulla base delle partecipazioni e delle collaborazioni nate nella 457 Stupinigi Experience. Per i costruttori spiccano in particolare tre presenze attualmente in attività: GRAM Torino Engineering espone la Giannini 350GP4, l’auto che ha sconvolto il settore inaugurando il nuovo filone delle supercitycar; Studiotorino interviene con la propria Diabolika a ricordare come 500 sia da sempre stata fonte di ispirazione per edizioni limitate ad opera delle grandi firme e Vernagallo, leader nel settore delle spiaggine, presenta l’indissolubile legame fra la 500 ed il piacere di viaggio open-air, esponendo la Jolly Mare, tender da e per le spiagge. Per chiudere, in senso temporale, la nuova FIAT 500 Hybrid.

457 MAUTO EXPERIENCE: “Quelli che la 500”.

La sigla di progetto 457 fa riferimento alla riunione che si tenne il 18 Ottobre 1955 presso di giardini di Stupinigi, quando la dirigenza FIAT presentò il prototipo tipo 400 e ne decise la produzione: tale prototipo venne poi re-ingegnerizzato nel tipo 450 ed infine messo in vendita nel 1957 con il nome di “Nuova 500”, riprendendo il nome “500” che inizialmente era stato assegnato all’amatissima “Topolino”.
L’esposizione dedicata alla 500 poi continua fino al 4 luglio.

ORARI DI APERTURA DEL MAUTO: venerdì-sabato-domenica: dalle 10 alle 19. La biglietteria chiude un’ora prima del museo; consigliato l’acquisto on line dei biglietti. Ulteriori informazioni sul portale Ruzzatorino.com.

redazione

redazione

Tutti vogliamo che la vita sia meno "grigia metallizzata" e torni il capriccio di sognare a colori; cosa c'è, di meglio, di un bel rombo di un motore?