Teorema, la Concept Car sviluppata interamente in virtuale

Teorema è un laboratorio per le idee. Teorema racchiude innovazione e pensieri nuovi.
Teorema è stata realizzata, in un periodo in cui “distanziamento” era la parola d’ordine, riunendo gli Studi di Design di Pininfarina dislocati in varie parti del mondo, perché certe barriere non hanno più ragione di essere e di esistere.

Pininfarina apre la strada al futuro attraverso una futuristica e audace Virtual Concept Car, interamente sviluppata utilizzando tecnologie VR. Gli inventori della modellazione digitale delle superfici (già utilizzata negli anni ‘70) aggiornano è rendono sempre più raffinati i processi di sviluppo in virtuale, ottenendo  un passaggio in meno rispetto al passato: “Pininfarina guarda da sempre al futuro, utilizzando le concept car come strumento di innovazione per tracciare la direzione nell’industria automobilistica e introdurre nuove visioni in termini di usabilità e tecnologia” commenta Kevin Rice, Chief Creative Officer di Pininfarina. “Teorema, in particolare, vuole restituire alle persone i piaceri dell’auto, di guida e di viaggio, senza le frustrazioni legate all’aumento del traffico e ad altri inconvenienti, ma integrando l’intelligenza artificiale, il 5G e le più recenti tecnologie per condurre i passeggeri verso nuove incredibili esperienze di viaggio.”

Teorema, la Concept Car sviluppata interamente in virtuale
Qui l’auto è parte integrante di un servizio di mobilità ed esprime stile, ma anche innovazione.
Se l’obiettivo è stato, fin da subito, che  questa Concept Car rimanesse nel mondo virtuale, i Designer si sono anche imposti che fosse, da subito, riconoscibile.  Creare più “wooow“, ma senza dimenticare l’aerodinamica che, qui, gioca un ruolo importante. L’aria scorre in un concetto aerodinamico innovativo e convalidato tramite valutazioni di CFD.

Teorema, la Concept Car sviluppata interamente in virtuale

Come espressione della visione per una mobilità futura condivisa e iperconnessa, Teorema è stata progettata dall’interno verso l’esterno. I team di design di Cambiano e di Shanghai sono partiti dall’esperienza che si vive a bordo prima di sviluppare gli esterni dell’auto, utilizzando una piattaforma elettrica in grado di garantire lo sviluppo di spazi ampi e confortevoli e (volendo) la guida autonoma. Nel corso del progetto, il Pininfarina Virtual Lab, che è parte integrante del processo, ha utilizzato l’Augmented Reality, la Virtual Reality e anche la nuova tecnologia della Mixed Reality (condivisione virtuale e realtà, con lo stesso caschetto in diversi luoghi) che abbiamo provato in anteprima e vi abbiamo mostrato nelle nostre “stories” su Instagram, per esplorare rapidamente forme, esperienze e scenari diversi.

Teorema, la Concept Car sviluppata interamente in virtuale

Con 1400 mm di altezza e 5400 mm di lunghezza (che ha dimensioni paragonabili a quelle di una Bmw Serie 5 Station Wagon), Teorema è stata concepita sia per consentire ai passeggeri di condividere le esperienze durante il viaggio, sia per regalare momenti di privacy quando lo si desidera.
Come entrando in un salotto, l’ingresso nella Concept avviene semplicemente camminando al suo interno, poiché la parte posteriore si apre e il tetto si muove verso l’alto e in avanti, lasciando spazio ad un pavimento responsivo che si illumina guidando i passeggeri ai loro posti e permette di stivare i bagagli senza fare particolari sforzi.  Non essendoci un ingresso laterale, la fiancata della vettura può essere utilizzata come schienale quando i passeggeri lo desiderano, rendendo inoltre la vettura più rigida e leggera.

Anche la forma esterna di Teorema è guidata dai concetti tecnici e dalle esperienze concepite da Pininfarina per i suoi occupanti, che possono sedere su sedili (progettati insieme a Poltrona Frau) in grado di ripiegarsi fino a trasformarsi in una panca o un lettino, dando la possibilità sia di guardarsi l’un l’altro, in un momento di convivialità, sia di sdraiarsi in un momento più intimo.
Sfruttate, infine, le competenze di Continental in ambito Superfici e Vetri Smart e di BENTELER per il rolling chassis, che favorisce la creazione di nuovi veicoli elettrici in tempi rapidi, con ridotta complessità ed alta qualità.


La vedremo mai su strada?
Fose no, ma (fidatevi) il futuro non è così lontano, come può sembrare!

Marco Longhini

Marco Longhini

Giornalista iscritto all'Ordine, insegue da sempre (creando strani incastri) le sue due più grandi passioni, AUTO e MUSICA. Ha partecipato a numerosi corsi di guida performance e si definisce un "car addicted"; a differenza di molti colleghi, però, è più interessato ai pregi e difetti con la loro convivenza, che alla quantità di fumo che sono in grado di generare dalle ruote posteriori. Vive nell'eterno dilemma: "lusso o prestazioni" ? Fondatore del Lifersblog (ora casa di villeggiatura) si augura diventi presto il suo domicilio principale...