McLaren 570S: arriva la Spider!

Assemblata a mano a Woking, Inghilterra, la McLaren 570S Spider è la cabrio più accessibile ad oggi e unisce l’eccezionale dinamismo e ricercatezza della 570S Coupé con l’euforia della guida all’aria aperta. La due posti, a trazione posteriore 570S Spider è il terzo modello nella gamma Sports Series e si affianca alla Coupé e alla GT ed aggiunge un hardtop (costituto da pannelli ultra leggeri in composito e disegna un profilo deciso e raffinato sia quando chiuso che quando aperto) a scomparsa integrato che, abbassato, offre un’esperienza di guida ancor più coinvolgente ed esaltante, visto che grazie al telaio in fibra di carbonio MonoCell II, cuore di tutte le vetture della serie Sport, mantiene inalterate tutte le sue caratteristiche di resistenza o rigidità in questa convertibile, né richiede nessun intervento strutturale ulteriore e aggiunge solo 46 kg al peso.

McLaren 570S Spider

Azionato elettricamente con un semplice interruttore dal posto del conducente, il tetto si piega senza sforzo per essere stivato sotto il “tonneau” splendidamente lavorato che si alza automaticamente per alloggiare i pannelli abbassati e ritorna alla sua posizione di chiusura accompagnato da una tecnologia “soft-close” . Il tetto viene aperto o chiuso in soli 15 secondi, a velocità massime del veicoli di 40km/h.

McLaren 570S Spider

Un deflettore del vento smaltato può essere elettricamente alzato o abbassato, cosi da aumentare la versatilità sia con il tetto aperto o chiuso. Un deflettore (che può essere azionato elettricamente) riduce l’intrusione del vento quanto il tetto è abbassato e può essere mosso anche per permettere di sentire meglio il suono del motore e permettere all’aria fresca di entrare quando il tetto è chiuso. I proprietari che desiderano godere maggiormente del distintivo suono dello scarico della nuova Spider possono includere un optional per lo sport system che dispone dell’ESG per incanalare il sono dello scarico verso la cabina, tramite l’area che si trova sotto il tonneau.

McLaren 570S Spider

Combinando la costruzione leggera in fibra di carbonio e l’incredibile propulsore McLaren V8 da 3.8 litri turbocompresso, fa si che la 570S Spider è più potente e più leggera delle sue concorrenti Spider: va da 0 a 100km/h (62mph) in 3.2 secondi e sino a 200km/h in soli 9.6 secondi. La velocità massima è di 328km/h con il tetto chiuso – identico alla 570S Coupé – e con il tetto abbassato, la nuova Spider può raggiungere i 315km/h. Il desing mozza fiato della vettura è ulteriormente esaltato dallo spoiler posteriore, in colore “Dark Palladium grey” (un trama di fibra di carbonio visibile è disponibile come optional e si può ordinare tramite McLaren Special Operations) e 12 mm più alto dello spoiler posteriore della 570S Coupé. Lo spoiler più alto garantisce una forza deportante maggiore, necessaria per equilibrare i cambi aerodinamici che hanno interessato la Spider, che come si può notare ha un diverso design della carrozzeria posteriore, garantendo così un equilibrio aerodinamico straordinario al pari della versione Coupé.

Tre nuovi colori di carrozzeria celebrano l’introduzione della nuova Spider, “Curacao Blue”, “Vega Blue”, e “Sicilian Yellow”, che esaltano le forme complesse e sinuose del corpo vettura in alluminio e le portiere diedrali uniche nella categoria. Si può fare di più facendo risaltare i contrasti con una combinazione di elementi grazie ad optional come le finiture a contrasto in “Dark Palladium grey” sul tetto, i montanti del parabrezza e i “buttresses” supporti posteriori. C’è anche un nuovissimo design del cerchio in lega a 10 raggi (19-pollici anteriore, 20-pollici posteriore) ed è stato sviluppato anche un nuovo colore per le pinze dei freni, “Liquid Black”.

McLaren 570S Spider

Già ordinabile, la nuova McLaren 570S Spider farà il suo debutto il 29 giugno al Goodwood Festival of Speed, West Sussex, UK e le prime unità sono previste per la consegna ai clienti in agosto.

redazione

redazione

Tutti vogliamo che la vita sia meno "grigia metallizzata" e torni il capriccio di sognare a colori; cosa c'è, di meglio, di un bel rombo di un motore?