Alpine A110: promette un immenso piacere di guida!

Un anno dopo la presentazione della show car Vision, Alpine rivela il suo nuovo veicolo di serie al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra: l’A110. Mantenendo i principi sempre attuali di Alpine in termini di leggerezza, agilità e performance, la nuova biposto coupé sportiva a motore centrale resta fedele allo spirito dei predecessori e in particolare della A110 “Berlinette”.

A110: rivelate le prima immagini della Alpine di produzione

La piattaforma e la carrozzeria in alluminio dell’A110 sono collegate, fissate e saldate in modo da costituire una struttura straordinariamente solida, ma leggera. In realtà, Con un peso a vuoto (opzioni escluse) di soli 1.080 kg, l’A110 è superleggera.
Le dimensioni compatte (lunghezza 4.178 mm, larghezza 1.798 mm, altezza 1.252 mm), la distribuzione ottimale del peso (44% anteriore / 56% posteriore) e il baricentro abbassato sono tutti elementi che favoriscono l’agilità del veicolo, soprattutto sulle strade di montagna tortuose che hanno reso famosa l’Alpine negli anni Sessanta e Settanta. La massa del veicolo è inoltre concentrata al centro, con il serbatoio del carburante dietro all’assale anteriore e il motore davanti all’assale posteriore, per consentire al conducente di sentirsi tutt’uno con la propria auto.

Alpine A110

L’ A110 monta il nuovo motore turbo 1.8 litri a 4 cilindri sviluppato dall’Alleanza Renault-Nissan. I tecnici dell’Alpine, in collaborazione con Renault Sport, hanno personalizzato il motore per l’Alpine, con presa dell’aria, turbocompressore, impianto di scarico e messa a punto dedicati. Il motore vanta una potenza massima di 185 kW/252 CV e una coppia motore massima di 320 Nm, consente al veicolo di passare da 0 a 100 km/h in soli 4,5 secondi. Il motore è abbinato a una trasmissione a doppia frizione (DCT) Getrag a bagno d’olio e 7 velocità, con rapporti sviluppati appositamente per l’Alpine per garantire una performance ottimale in ogni circostanza.
L’ A110 ha tre modalità di guida (Normal, Sport, Track) in cui la configurazione del motore e della trasmissione, lo sterzo, il controllo elettronico della stabilità (ESC), il suono dello scarico e il display sul cruscotto si adattano alle diverse condizioni di guida (e agli umori del conducente).

Alpine A110

Alla ricerca del perfetto abbinamento tra profilo slanciato e ottima performance, i tecnici dell’Alpine si sono ispirati al mondo delle auto da corsa e delle supercar per ottimizzare l’aerodinamica dell’A110. Grazie alla base assolutamente piatta e al diffusore funzionale montato sotto al paraurti posteriore, l’A110 associa alla bassa resistenza aerodinamica una deportanza di tutto rilievo. Questo assetto consente all’A110 di raggiungere la velocità massima di 250 km/h pur conservando il tipico profilo morbido “Alpine”, senza bisogno dello spoiler posteriore. Le prese d’aria presenti nel paraurti anteriore creano una schermatura dei passaruota che migliora il flusso d’aria sulle ruote anteriori e pertanto riduce la resistenza aerodinamica. Con un coefficiente (Cx) pari solo allo 0,32, la resistenza aerodinamica dell’A110 è tra le più basse nel segmento delle sportive.

Alpine A110

L’associazione tra la leggerezza dell’A110 e le sospensioni a doppio triangolo anteriori e posteriori è una combinazione rara che consente ottima manovrabilità e performance, offrendo nel contempo anche grande confort nella guida e uso quotidiano. L’accesso all’abitacolo è stata progettato in modo da facilitare l’utilizzo quotidiano dell’A110 e lo spazio disponibile a bordo consente di ospitare confortevolmente persone di ogni peso e statura. Insomma, l’A110 è perfettamente a suo agio sia nella vita quotidiana che in pista.
Il bagagliaio, ahimè, si riduce ad un piccolo pozzetto posteriore e le sue forme, dal vivo, appaiono decisamente più arrotondate che in foto ed è importante scegliere il colore giusto (vi suggeriamo il nero). Molto ben realizzati gli interni, che trasmettono una sensazione di GT racing…

Alpine A110

L’Alpine A110 Première Edition è un’edizione limitata e numerata che prevede la produzione di 1.955 auto. Non a caso 1955 è l’anno in cui Jean Redele ha lanciato l’Alpine. Tutti i modelli disponibili (con guida a sinistra) sono stati prenotati in soli 5 giorni.
Rimane ancora un esiguo numero di veicoli con guida a destra per il mercato britannico (le consegne cominceranno nel 2018), mentre le prenotazioni per il mercato giapponese inizieranno nelle prossime settimane. Nel 2018, quando il ciclo di produzione della Première Edition sarà terminato, saranno disponibili diversi livelli di equipaggiamento dell’A110, completati da un’ampia gamma di opzioni di personalizzazione. Il prezzo indicativo per la Première Edition è di 58.500 euro (IVA inclusa) in Francia. I prezzi definitivi saranno confermati contestualmente all’apertura degli ordini effettivi verso metà 2017. Tutte le A110 saranno prodotte nello stabilimento Alpine di Dieppe, sede storica del brand.

redazione

redazione

Tutti vogliamo che la vita sia meno "grigia metallizzata" e torni il capriccio di sognare a colori; cosa c'è, di meglio, di un bel rombo di un motore?